Come organizzare un viaggio on the road, dalla pianificazione dell'itinerario alla preparazione della valigia

Come organizzare un viaggio on the road, dalla pianificazione dell’itinerario alla preparazione della valigia

Qual è il principale ostacolo nel poter godere del senso di libertà, spensieratezza e avventura che solo un viaggio on the road può regalare? La disorganizzazione e la mancanza di un’adeguata pianificazione, spesso fonti di stress e preoccupazione. Ecco come aggirarle in pochi, semplici passi.

Guidare lungo una strada senza fine, il vento tra i capelli, il sole che bacia la pelle, il tramonto che riempie il cuore e la promessa di avventure indimenticabili all’orizzonte: un viaggio on the road è un’esperienza senza pari, un’opportunità preziosa per liberare lo spirito dell’esploratore che alberga in ognuno di noi, scoprire la bellezza del mondo là fuori, ma anche quella che vive dentro di noi. Un viaggio tanto spensierato quanto introspettivo, insomma, guidato in larga parte dalla spontaneità e dall’intuito!

Viaggio on the road: l’importanza della pianificazione (che non è assenza di libertà)

Dietro ogni momento di libertà e scoperta c’è una pianificazione attenta e oculata, un’organizzazione impeccabile e ragionata, che consente di eliminare quelle fonti di stress, preoccupazione e disagio che potrebbero ostacolarci durante il percorso e potenzialmente trasformare il nostro viaggio da sogno in un vero e proprio incubo.

La pianificazione dell’itinerario, la scelta dei luoghi da visitare, la ricerca di informazioni sulle strade e le attrazioni lungo il percorso sono infatti tutti elementi cruciali per un viaggio on the road di successo (come vedremo tra poco, esistono diverse app per viaggi on the road che possono aiutarci in questo).

Ma non basta: è altresì importante preparare la valigia in modo intelligente, tenendo conto delle necessità di viaggio e delle condizioni climatiche dei luoghi che si prevede di visitare, ma anche dello spazio a nostra disposizione in macchina, e portare con noi le attrezzature sportive o fotografiche che potrebbero servirci per vivere a pieno le opportunità che troveremo lungo il percorso.

Utile è poi avere sempre a disposizione una scorta di snack e bevande con cui rifocillarci lungo il percorso, specialmente se abbiamo intenzione di attraversare luoghi isolati, strade poco attrezzate, o anche soltanto per risparmiare qualche soldo, senza però privarci della possibilità di immergerci nella cultura dei territori visitati attraverso la scoperta delle bontà enogastronomiche locali. Infine, fondamentale è anche adottare un mindset positivo e propositivo verso le difficoltà che, molto probabilmente, incontreremo lungo il percorso.

Fatte queste premesse, scopriamo alcuni semplici consigli che, se seguiti con consapevolezza, ci consentiranno di godere appieno delle meraviglie di un viaggio in macchina.

Come pianificare l’itinerario di viaggio perfetto in 4 semplici passaggi

Come per ogni viaggio che si rispetti, anche un road trip parte nel momento in cui ci mettiamo a tavolino, con una mappa davanti – quasi certamente quella del nostro smartphone – e tracciamo un itinerario di massima che collega le diverse località che intendiamo assolutamente visitare.

Probabilmente, nel farlo, consulteremo utilissime guide e blog di viaggio, prendendo spunto dall’esperienza di chi ha già visitato quei luoghi, oppure libereremo la nostra creatività e ci lasceremo ispirare dai nomi presenti sulla cartina. Ad ogni modo, metteremo in atto un qualche tipo di pianificazione che, come abbiamo detto, costituisce un passaggio fondamentale -forse il più importante- per organizzare un viaggio on the road in totale serenità, e godere al meglio di tutte le opportunità offerte dal territorio visitato.

Infatti, contrariamente a quanto potremmo pensare, una buona organizzazione non è necessariamente sinonimo di assenza di flessibilità: al contrario, avere una chiara idea delle tempistiche tra un punto di interesse e un altro, conoscere la loro posizione geografica, le cose che non possiamo (o vogliamo) assolutamente perdere, ci consentirà di approcciarci al viaggio con più consapevolezza e tranquillità, senza stressarci troppo in caso di imprevisti. Solo entro dei confini flessibili potremo godere appieno della flessibilità e della libertà che sono i punti di forza dei viaggi in strada.

Ecco quindi come pianificare il nostro itinerario di viaggio in 4 mosse:

  1. Definire le destinazioni e le tappe principali del viaggio
    Il punto di partenza per pianificare un viaggio on the road è quello di decidere le destinazioni che desideriamo visitare lungo il percorso. All’inizio, possiamo anche soltanto fare una lista delle città, dei parchi nazionali, delle attrazioni turistiche e dei punti di interesse che hanno catturato il nostro interesse e che vorremmo visitare. Poi, organizziamo queste destinazioni in tappe principali, considerando la distanza tra di loro e il tempo necessario per raggiungerle, nonché la disponibilità di alloggi e ristoranti nell’area.
  2. Valutare la durata del viaggio
    Una volta definite le tappe principali, è necessario valutare la durata complessiva del nostro road trip, partendo dal calcolo del tempo che vogliamo trascorrere in ciascuna destinazione, e aggiungendo poi eventuali giorni extra per le deviazioni dell’ultimo minuto o le soste improvvise lungo il percorso. La cosa fondamentale è assicurarsi di pianificare un itinerario realistico che ci dia abbastanza tempo per esplorare ogni luogo senza fretta -d’altronde, questo è proprio uno dei grandi vantaggi dei lenti viaggi on the road. Un altro aspetto da considerare nella pianificazione dell’itinerario è la durata del viaggio e la distanza tra le tappe. In particolare, è importante non sottovalutare i tempi di percorrenza e di riposo, per evitare di trovarsi a dover guidare per troppo tempo senza pause.
  3. Pianificare le soste intermedie e i luoghi di pernottamento
    Oltre alle tappe principali, non dobbiamo dimenticare di pianificare dove alloggeremo, che sia un hotel, un bed and breakfast, un ostello, un campeggio, o, perchè no, l’interno della nostra macchina o del nostro camper. Anche in questo caso, mappe e app sono le nostre più grandi alleate nell’identificare punti strategici che siano vicini alle nostre tappe principali e che ci consentano di spezzare il viaggio e non passare troppe ore alla guida. Nello scegliere la nostra sistemazione, non dimentichiamoci di verificare la presenza di ristoranti e supermercati nelle vicinanze, in modo da non rischiare di dover fare chilometri e chilometri alla ricerca di qualcosa da mettere sotto i denti. Se abbiamo intenzione di metterci in strada durante la stagione turistica o in periodi di grande affluenza, non esitiamo a prenotare gli alloggi con anticipo, in modo da non rischiare di non trovare disponibilità e di risparmiare anche sui prezzi. Anche se questo potrebbe togliere un po’ di spontaneità al viaggio, il nostro sonno ci guadagnerà in seguito.
  4. Verificare le condizioni meteorologiche e stradali
    Prima di finalizzare l’itinerario, prendi in considerazione le condizioni meteorologiche e stradali che incontreremo lungo il percorso. In particolare, informiamoci attentamente sulle condizioni del traffico ed evitiamo gli orari di punta (come quelli di entrata e uscita dal lavoro), specialmente se dobbiamo guidare vicino a grandi centri abitati. Se dobbiamo invece attraversare regioni montane o aree remote, teniamo invece conto di eventuali restrizioni stradali o chiusure dovute a lavori in corso o eventi eccezionali che potrebbero rallentarci o costringerci a intraprendere percorsi alternativi. Al tempo stesso, non dimentichiamo di consultare le previsioni meteorologiche, specialmente se abbiamo in programma di dormire in tenda, affrontare passaggi ad alta quota o sprovvisti di infrastrutture stradali efficienti.

Le 10 app per viaggi on the road da scaricare subito

Pianificare l’itinerario di un viaggio on the road può rivelarsi un compito alquanto stressante, soprattutto se non abbiamo molta esperienza o è la nostra prima volta. La buona notizia è che, oggigiorno, esistono diversi siti web e app che ci permettono non solo di visualizzare chiaramente le diverse tappe del nostro itinerario, ma anche calcolare i tempi di percorrenza e individuare alloggi, ristoranti e i diversi punti di interesse presenti lungo il tragitto.

Ecco 9 app per viaggi on the road da scaricare prima di mettersi al volante:

  1. Roadtrippers: una delle piattaforme più popolari per l’organizzazione di viaggi on the road, che ci consente non solo di pianificare il nostro itinerario, ma anche scoprire attrazioni lungo il percorso, trovare alloggi e punti di interesse, e condividere il nostro percorso con altri viaggiatori. Interessanti anche la collezione di oltre 300 itinerari già collaudati dagli altri utenti, e le preziose guide di viaggio redatte da viaggiatori “professionisti”. Disponibile anche in versione app, sia per Apple che per Android.
  2. Maps.me: un’app di mappe offline disponibile per iPhone e Android (oltre che nella classica versione web), che permette di navigare anche senza connessione internet. È particolarmente utile per i viaggi on the road in aree remote o senza copertura di rete. All’interno delle mappe di ogni Paese e città sono segnalati i luoghi di interesse più utili, suddivisi per categoria (intrattenimento, attrazioni, attività, alloggi, e così via).
  3. Google Maps: se si tratta del motore di navigazione più usato al mondo, un motivo deve esserci -anzi, a dire il vero, i motivi sono ben più di uno. Le mappe di Google sono infatti amate non solo per la loro versatilità e le efficienti funzionalità di navigazione, ma anche per la possibilità di memorizzare i luoghi di interesse e pianificare in autonomia i nostri percorsi. Si possono inoltre utilizzare anche per creare liste personalizzate di tappe da visitare lungo il percorso.
  4. GasBuddy: un’app che aiuta a trovare le stazioni di servizio più convenienti lungo il percorso, mostrando i prezzi del carburante in tempo reale e offrendo suggerimenti su dove fare rifornimento. Disponibile sia per Apple che per Android.
  5. iOverlander: iOverlander è un’app indispensabile per i viaggiatori in camper o fuoristrada, che desiderano trascorrere la notte all’interno del veicolo. Fornisce informazioni accurate su campeggi gratuiti, aree di sosta, servizi e altre risorse utili lungo il percorso.
  6. Waze: un must have per chi deve attraversare aree urbane o intensamente trafficate. Fornisce infatti informazioni sul traffico in tempo reale, suggerimenti per evitare ingorghi, nonché eventuali percorsi alternativi, grazie ai feedback forniti in tempo reale dagli altri utenti.
  7. Flush Toilet Finder: l’app che non sapevamo di volere! Flush Toilet Finder è indispensabile per trovare i bagni pubblici nelle vicinanze durante il viaggio. Fornisce infatti una mappa interattiva con la posizione esatta dei bagni più vicini, insieme a recensioni e valutazioni degli utenti.
  8. Weather Underground: sempre utile e mai scontata, Weather Underground è un’app meteo che fornisce previsioni precise e aggiornate per le destinazioni che incontreremo lungo il percorso. Indispensabile per pianificare le attività all’aperto in base alle condizioni meteorologiche previste.
  9. PackPoint (bonus): indispensabile per la tanto temuta preparazione dei bagagli, fornisce una lista completa dei capi di abbigliamento, degli accessori e degli oggetti per la cura personale da portare con sé, in base alla destinazione del viaggio, alla durata del soggiorno, al meteo previsto e alle attività pianificate.

Viaggi in auto: cosa portare?

Sebbene i viaggi in auto siano apprezzati per la possibilità di avere carta bianca, entro i limiti fisici dettati dallo spazio disponibile nel veicolo, nel decidere cosa portare in viaggio, è sempre bene procedere con una pianificazione attenta e una selezione oculata degli oggetti e indumenti da mettere in valigia.

È infatti inutile – e in alcuni casi contro produttivo – stipare la macchina di oggetti e indumenti che probabilmente non useremo mai, in quanto non farebbe altro che rallentarci e sottrarci del prezioso spazio vitale all’interno dell’abitacolo.

Ecco alcuni consigli su come preparare la valigia per un viaggio on the road, insieme a delle indicazioni di massima su cosa portare in macchina, inclusa l’attrezzatura sportiva e fotografica e, ultimi ma non per importanza, cibo e bevande.

Preparazione della valigia: da dove partire

Per prima cosa, facciamo una lista di tutto ciò di cui potremmo aver bisogno durante il viaggio. Includiamo abbigliamento, accessori, articoli per l’igiene personale, dispositivi elettronici, documenti importanti, medicinali e kit di emergenza (per stilarla possiamo utilizzare app apposite, come quella suggerita sopra). Ricordiamoci che, nel caso di viaggi in auto, meno è meglio. Verifichiamo anche che l’auto abbia spazio sufficiente per trasportare tutta l’attrezzatura e le provviste che intendiamo portare con noi.

Optiamo poi per una valigia resistente e capiente che si adatti al tipo di viaggio che stiamo facendo. Se prevediamo di spostarci frequentemente, una valigia a rotelle o uno zaino potrebbero essere più pratici rispetto a una borsa morbida. Organizziamo gli oggetti in modo pratico e accessibile all’interno dell’auto, suddividendoli in scatole o borse per facilitare la ricerca.

Qui una possibile checklist di cosa portare in un viaggio on the road durante la bella stagione:

  • Abbigliamento versatile e adatto a varie condizioni climatiche, includendo capi leggeri per il giorno e strati più pesanti per la sera;
  • Indumenti tecnici per attività all’aperto, come escursioni, camminate o arrampicate;
  • Cappello e occhiali da sole per evitare pericolose scottature solari;
  • Scarpe comode per camminare e un paio di scarpe più robuste per attività outdoor;
  • Impermeabile o giacca antipioggia per affrontare le intemperie;
  • Asciugamani leggeri e veloci da far asciugare;
  • Sacco a pelo e materassino gonfiabile se prevediamo di dormire in tenda o in campeggio;
  • Lanterna o torcia elettrica per illuminare l’esterno se dobbiamo alzarci per andare in bagno durante la notte;
  • Kit per l’igiene personale con dentifricio, spazzolino da denti, filo interdentale, sapone, shampoo, bagnoschiuma, asciugamani in microfibra ed eventuali prodotti di cosmesi e make up;
  • Crema solare, crema idratante doposole e protezione labbra;
  • Kit di emergenza per l’auto, comprensivo di triangolo di emergenza, cavi per avviare la batteria, kit di riparazione delle gomme e un manuale di istruzioni per la manutenzione del veicolo;
  • Attrezzatura sportiva come scarponi da trekking, biciclette pieghevoli o attrezzatura per surf, a seconda delle attività che prevediamo di praticare lungo il percorso;
  • Fotocamera, obiettivi, batterie di ricambio, schede di memoria e treppiede per catturare i momenti più belli del viaggio;
  • Snack salutari e non deperibili come frutta secca, barrette energetiche, crackers integrali e frutta fresca;
  • Acqua potabile in bottiglie riutilizzabili o borracce, per idratarsi durante il viaggio;
  • Borse termiche o contenitori isolati per conservare cibi e bevande fresche durante il tragitto.

Viaggio on the road: alcuni suggerimenti utili

Infine, ecco alcuni suggerimenti aggiuntivi che torneranno utili durante il viaggio e la sua preparazione:

  • Organizzazione dei pasti:
    Valutiamo se preferiamo mangiare principalmente nei ristoranti lungo il percorso o se preferiamo preparare i pasti da noi. Questa scelta influenzerà la lista degli alimenti da portare in viaggio, se dei semplici snack spezzafame o gli ingredienti base per realizzare dei veri e propri pasti. Se optiamo per la prima alternativa, esaminiamo ristoranti, caffetterie e punti di ristoro lungo l’itinerario. Specie se viaggiamo in zone remote, è importante sapere dove possiamo fermarci per mangiare e rifornirci di cibo e acqua. Se invece scegliamo la seconda, facciamo una lista degli alimenti che ci serviranno sia per la preparazione dei pasti principali che per eventuali snack, e pianifichiamo poi le diverse portate pasti in base agli ingredienti che possiamo facilmente trasportare e conservare in auto. Assicuriamoci di avere con noi le attrezzature necessarie per cucinare, come un fornello portatile, pentole e padelle, utensili da cucina e piatti e posate riciclabili (meglio ancora se lavabili riutilizzabili, come quelle in metallo). Molti utili sono anche dei sacchetti termici o un frigorifero portatile per mantenere gli alimenti freschi e evitare che si deteriorino durante il viaggio.
  • Cosa portare per le emergenze
    Assicuriamoci di avere un kit di pronto soccorso completo e ben fornito a portata di mano, che includa medicazioni sterili, cerotti adesivi, garze, disinfettante per le ferite, antidolorifici, antistaminici, medicine per mal di stomaco e altre cure di base. Non dimentichiamo poi di portare con noi strumenti e attrezzature utili in caso di emergenza, come un martello di sicurezza per rompere i finestrini, un taglia cinture di sicurezza, una torcia elettrica, cavi per avviare la batteria dell’auto, un cric, una chiave a croce, una pompa per pneumatici e un kit di riparazione rapida per le gomme.
  • Documenti e assicurazione di viaggio
    Anche se potrebbe sembrare scontato, vale sempre la pena controllare di avere con noi tutti i documenti importanti, come patente di guida, carta d’identità, documenti dell’auto e assicurazione, e prendiamo nota dei numeri di emergenza utili, come il numero dell’assistenza stradale, la polizia locale e i servizi medici di emergenza. Un’altro consiglio utile è quello di comunicare a familiari o amici il nostro itinerario e le tappe previste. In particolare, facciamo sapere loro l’orario di arrivo previsto per ogni tappa, e manteniamoci in contatto con loro durante il viaggio, specialmente se siamo da soli. Infine, valutiamo la possibilità di stipulare un’assicurazione di viaggio che copra eventuali emergenze mediche, incidenti stradali, danni all’auto e cancellazioni dell’ultimo minuto. Sempre più comuni sono le assicurazioni che offrono coperture specifiche per i viaggi on the road, da integrare -se necessario- con eventuali polizze specifiche.

In conclusione, non dimentichiamo che tra i grandi vantaggi dei viaggi in auto vi è la possibilità di sperimentare nuovi territori e realtà sconosciute in modo fluido e dinamico. Anche se abbiamo pianificato tutto nei minimi dettagli, è importante adottare un mindset positivo e rimanere flessibili e aperti ai cambiamenti lungo il percorso (cosa che, come abbiamo detto in precedenza, è consentita e resa meno stressante proprio grazie alla pianificazione).

Potremmo scoprire nuove destinazioni interessanti, incontrare persone affascinanti o decidere di deviare da un piano prestabilito. In tutti questi casi, lasciamoci guidare dall’istinto e abbracciamo l’imprevisto, perché spesso sono le deviazioni dalla strada principale a regalarci i momenti più memorabili del viaggio!

Condividi questo articolo


Iscriviti alla newsletter di Hellogreen