Kamikatsu, dove tutto si ricicla

Kamikatsu, dove tutto si ricicla

In Evidenza, Vita Green
Hellogreen ti regala 50€ di sconto in prodotti Barò Cosmetics.

C’è una cittadina, in Giappone, che si è posta un ambizioso obiettivo: entro il 2020 riciclare tutto quanto viene consumato.

Se il progetto dovesse andare a buon fine, sarebbe un esempio da seguire anche in altre parti del mondo, per dismettere discariche e inceneritori, dannosi per l’ambiente e la salute dell’uomo.

Una raccolta differenziata scrupolosa 

A Kamikatsu, una cittadina di circa 1700 abitanti che sorge sull’isola giapponese di Shikoku, qualche anno fa è iniziata una campagna di sensibilizzazione ambientale che prevede un notevole impegno e una particolare attenzione da parte della popolazione locale. I suoi cittadini, al momento, devono smistare il riciclo tra 34 differenti contenitori, una quantità incredibile se pensiamo ai 3 o 4 con cui a fatica abbiamo a che fare noi.

Le bottiglie di plastica, che in Italia ci limitiamo a schiacciare per ridurle di volume, sono suddivise per colore e per tipologia di liquidi contenuti: quelle della salsa di soia e dell’olio sono separate da quelle dell’acqua minerale e del tè verde. I tappi vanno poi smaltiti a parte.

Per quanto concerne il vetro, invece, le bottiglie di sakè – la bevanda nazionale, una specie di birra che si ottiene dalla fermentazione del riso – devono essere separate dalle altre. Ma anche altri oggetti, che qui da noi si buttano semplicemente via, hanno il loro contenitore, come per esempio accendini e rasoi elettrici.

Una sorta di magazzino invece ospita il cartone, che semplicemente deve essere legato insieme. Perché la carta non viene riciclata tutta assieme: giornali, riviste e volantini sono distinti. Infine per i barattoli, bisogna prestare la massima attenzione a dividere quelli in alluminio dalle bombolette spray e da quelli contenenti acciaio.

Tre R: Riciclare, Riutilizzare, Ridurre

istruzioni differenziata giappone

Per facilitare il compito dei diligenti cittadini, ogni contenitore per lo smaltimento è numerato, e accanto a esso si trova un esempio del campione di prodotto che deve essere lì smaltito, mentre cartelli ed etichette descrivono la destinazione finale nella filiera del riciclo e quanto si è guadagnato in termini di impatto ambientale.

Ogni cosa deve essere accuratamente lavata e fatta asciugare, ed è questa la normativa che meno piace: non è raro quindi vedere all’esterno delle abitazioni, accanto ai panni, anche cartoni del latte, contenitori di tofu o addirittura sacchetti di plastica stesi ad asciugare al sole.

Esiste una specie di negozio dove consegnare tutto quello che è ancora integro o in buone condizioni: chi vuole può portare a casa ciò che gli interessa, per riutilizzarlo, in modo da ridurre la dipendenza da prodotti nuovi. Inoltre, in una piccola fabbrica le donne più anziane confezionano vestiti o giochi per bambini usando vecchi kimono o scampoli di tessuto ormai inutilizzati. Una vera e propria fabbrica di riciclo creativo e fai da te.

A Kamikatsu non esistono automezzi che raccolgono i rifiuti: spetta ai cittadini suddividerli con attenzione e trasportarli direttamente al centro di raccolta. Sorgendo in una zona collinosa circondata da boschi, Kamikatsu è tappezzata di numerosi orti e coltivazioni disposti su dei terrazzamenti costruiti ad arte: gli scarti organici sono quindi numerosi e il consumo di frutta e verdura costituisce gran parte della dieta alimentare.

Tutte le famiglie contribuiscono in maniera consistente al compostaggio, al quale concorrono anche i residui della potatura e le foglie delle piante. Le vaschette con gli avanzi di cibo vengono svuotate in appositi apparecchi elettrici, situati all’esterno delle abitazioni e comprati, per modico prezzo, con sussidi statali. Il consumo di elettricità di questi compattatori, nonché l’impiego delle automobili private con cui alcuni consegnano i rifiuti nel centro raccolta, costituisce uno degli inconvenienti a cui ovviare in un prossimo futuro.

Nuove Kamikatsu crescono…

Recycling differenziata giappone

Al momento, gli abitanti di Kamikatsu riciclano l’80% dei rifiuti prodotti, destinando il resto (soprattutto lampadine e batterie) a una discarica. Chissà se nel futuro tale percentuale salirà e se tale modello sarà applicabile e fattibile anche in realtà più complesse e di maggiori dimensioni. Confortanti dati provengono da numerose (e popolose) città di altre parti del mondo: per esempio in California, San Francisco con i suoi circa 800.000 abitanti fa registrare un valore del 70%, ma anche in Italia i “Comuni virtuosi” sono sempre di più.

Per Kamikatsu si tratta comunque di un successo se si pensa che prima di incominciare con la raccolta differenziata i rifiuti venivano gettati indifferentemente in un fuoco a cielo aperto, recando danni incalcolabili all’ambiente e agli abitanti, che poi respiravano quell’aria contaminata. In Giappone la sensibilità verso queste problematiche è sempre più alta. Le imprese hanno rigidi vincoli in ambito di riciclo, ma anche i privati sono tenuti a osservare alla lettera la legislazione vigente: per esempio a Yokohama, la seconda città del Paese, i cittadini ricevono un manuale di 27 pagine a cui attenersi. Alla fine, come testimoniano gli abitanti di Kamikatsu, è soltanto una questione di abitudine, poi diventa qualcosa di naturale, da farsi come tante altre.

 

Guarda il video di Kamikatsu

Condividi l'articoloShare on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Valuta questo articolo


Hellogreen ti regala 50€ di sconto in prodotti Barò Cosmetics.

Iscriviti alla newsletter di Hellogreen