Neve rosa sulle Alpi: pericolo scioglimento ghiacciai

Neve rosa sulle Alpi: pericolo scioglimento ghiacciai

News
Hellogreen ti regala 50€ di sconto in prodotti Barò Cosmetics.

La neve rosa dell’Antartide arriva anche sulle Alpi: i ghiacciai si scioglieranno più velocemente

Il fenomeno della neve rosa (o rossa), già conosciuto e individuato in Antartide, è arrivato anche in Europa, più precisamente sulle Alpi. Il fenomeno è stato individuato in più aree alpine: il ghiacciaio Presena in Trentino Alto-Adige, il Passo del Gavia in Lombardia e sul ghiacciaio del Morteratsch in Svizzera.

Proprio come in Antartide, la responsabilità della colorazione della neve e dei ghiacciai è di un’alga, Ancylonema nordenskioeldii, mai osservata prima in Italia, ma già conosciuta dalla comunità scientifica. L’alga è stata identificata da alcuni ricercatori del Consiglio Nazionale delle Ricerche e lo studio è stato di seguito pubblicato su Scientific Reports.

Neve sulle Alpi

Fonte: CNR ISP

In realtà questo fenomeno è stato già ampiamente studiato e analizzato in Groenlandia: l’alga è responsabile del cambiamento del colore dei ghiacciai che, scurendosi, perdono gran parte della capacità di riflettere la luce. Infatti, la neve normalmente, con il suo colore bianco naturale, è in grado di riflettere più dell’80% della radiazione solare nell’atmosfera: il colore più scuro dovuto alla presenza dell’alga comporta un più intenso assorbimento della luce e uno scioglimento più rapido degli strati di ghiaccio.

Biagio di Mauro, ricercatore del CNR occupato nell’analisi del fenomeno, ha affermato:

“Tutto ciò che scurisce la neve fa sì che si sciolga, perché accelera l’assorbimento delle radiazioni. In futuro, questo fenomeno potrebbe rivelarsi più intenso a causa dei cambiamenti climatici. Infatti, scarse precipitazioni nevose durante l’inverno e alte temperature primaverili/estive creano il perfetto ambiente per lo sviluppo di queste alghe”.

Inoltre, man mano che il ghiaccio va sciogliendosi, le alghe proliferano e crescono più rapidamente: il risultato è la generazione di un vero e proprio circolo vizioso quasi impossibile da interrompere.

Alpi scioglimento ghiacciai

Fonte: CNR ISP

In realtà quest’alga non si era ancora manifestata in Europa: il vero motivo per cui l’alga unicellulare è riuscita a riprodursi a latitudini così basse è il cambiamento climatico. Infatti, il surriscaldamento globale porta con sé l’inevitabile innalzamento delle temperature: proprio grazie a questo clima “insolito” l’alga ha potuto proliferare in Groenlandia e ora anche in Europa.

Condividi l'articoloShare on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Valuta questo articolo


Hellogreen ti regala 50€ di sconto in prodotti Barò Cosmetics.

Iscriviti alla newsletter di Hellogreen